Go to Top

Finalmente è arrivata la conferma scientifica di ciò che G.L.S Lavanderie già sapeva: l’ozono è in grado di inattivare il Covid-19!

L’azione biocida dell’ozono per il trattamento degli ambienti è comprovata da diversi studi disponibili in letteratura.

Un primo report aveva indicato come il trattamento con ozono non fosse sufficiente alla decontaminazione di ambienti ospedalieri nei confronti di Stafilococchi Meticillino Resistenti (MRSA) (Berrington et al., 1998). Studi successivi di laboratorio hanno indicato come fosse possibile raggiungere una Rlog=4 (99,99%) di E. coli e S. aureus dopo esposizione a concentrazioni di ozono tra 300 e 1500 ppm, in un intervallo di tempo tra 10 secondi e 8 minuti (Kowalski et al., 2008).

Ai tempi dell’epidemia di SARS, Kenneth (2003), per verificare l’efficienza dell’ozono nella disinfezione degli ambienti, dimostrava come, mantenendo per 30 minuti un livello di ozono di 2,5 ppm si otteneva una diminuzione della carica microbica del 93%. Lo stesso studio desumeva, da tale dato, come, essendo i virus molto più sensibili dei batteri all’ozono, alle stesse concentrazioni e tempi di contatto si poteva ottenere una clearance importante dei virus.

Inoltre, in uno studio, l’ozono generato in situ è risultato efficace nell’inattivazione di norovirus in stanze d’albergo, cabine di nave e ambienti sanitari (Hudson et al., 2009) e, nel 2020 Dubuis et al. hanno riportato come l’ozono utilizzato a basse concentrazioni in combinazione con un’elevata umidità relativa, sia efficace contro batteriofagi e norovirus presenti in aria con riduzioni log di almeno 2 ordini di grandezza con basse concentrazioni di ozono (1,13 ppm ± 0,26 ppm e 0,23 ppm ± 0,03 ppm, rispettivamente, a vari livelli di umidità relativa per un’esposizione di 70 minuti).

L’OMS ha definito la sanificazione con l’ozono come uno degli strumenti più efficaci a disposizione contro il virus e per eliminare gli agenti patogeni che favoriscono infezioni (Società Italiana di Medicina Generale, 7 Aprile 2020)

La conferma scientifica arriva dal Giappone!

Oggi possiamo dire che l’ozono può essere considerato un vero e proprio inibitore del Covid-19.

Nel giugno 2020, è stato pubblicato un primo studio scientifico sull’ozono e il covid-19, grazie ad una Università.

La Nara Medical University e Consorzio MBT hanno infatti confermato l’inattivazione del nuovo coronavirus per esposizione al gas ozono.

La Nara Medical University è una Facoltà di medicina in Giappone, fondata nel 1945. I due professori che hanno guidato lo studio sono Toshikazu Yano, direttore delle malattie infettive, e Takashi Kasahara.

Con questo studio, l’ozono ha guadagnato finalmente credibilità, come metodo di sterilizzazione efficace e sanificazione degli ambienti, paragonabile alla pulizia manuale dell’alcool, con la capacità aggiuntiva di agire anche sull’aria degli ambienti.

Il gruppo di ricerca dell’azienda è stato il primo al mondo a confermare l’inattivazione del nuovo coronavirus per esposizione al gas ozono. “Abbiamo anche dimostrato la praticità a livello accademico chiarendo sperimentalmente le condizioni di inattivazione”. La necessità di sterilizzare gli ambienti e le attrezzature in conseguenza del COVID-19 comporta molta fatica e tempo per la pulizia manuale. Uno dei mezzi a disposizione per risolvere questo problema era la sterilizzazione con gas ozono, ma senza una chiara evidenza medico scientifica non era possibile certificarne l’utilizzo.

Un gruppo di ricerca guidato dalla Nara Medical University è stata in grado di inattivare i nuovi coronavirus tramite l’esposizione al gas ozono.

In questo rapporto, segnaliamo che l’inattivazione del nuovo coronavirus da parte dell’ozono è stata condotta e la relazione tra concentrazione di ozono e tempo di esposizione e inattivazione di ozono è stata chiarita sperimentalmente. L’ozono (formula chimica: O3) è una forma allotropica dell’ossigeno, dal caratteristico odore agliaceo. Le sue molecole sono formate da tre atomi di ossigeno. Ha il più forte potere ossidativo vicino al fluoro e distrugge le cellule come i batteri e decompone i legami chimici tra le sostanze. È efficace nella deodorizzazione, nella sterilizzazione e nella pulizia e viene utilizzato in vari campi come l’assistenza medica, l’assistenza infermieristica, l’allevamento e nel settore alimentare

Per quanto riguarda l’efficacia dell’ozono, il potere battericida di 7 volte quello del cloro ed è stato considerato “particolarmente efficace” per il controllo delle malattie infettive.

In Giappone l’agenzia dei vigili del fuoco del Ministero degli affari interni e delle comunicazioni lo ha introdotto per la prima volta in Giappone nel 2008, quando lo ha identificato come parte delle misure per prevenire la nuova infezione da influenza e ne ha autorizzato l’utilizzo nei principali aeroporti. Da allora, l’applicazione nei siti medici è progredita e il numero di istituzioni mediche che introducono generatori di ozono allo scopo di prevenire la diffusione di infezioni nosocomiali è in aumento.

Anche l’approccio battericida a base di ozono è stato accettato come misura contro la nuova infezione da coronavirus (COVID-19).
Da gennaio del 2020, quando l’infezione da COVID-19 si stava diffondendo in tutto il mondo, non solo le istituzioni mediche, ma anche ambulanze, ospedali, hotel, ecc. hanno adottato i generatori di ozono.

L’ozono ha definitivamente guadagnato un uso diffuso come metodo di sterilizzazione efficace paragonabile alla pulizia manuale dell’alcool.

Contenuto dell’esperimento e procedura:

  • Coltivare una nuova linea cellulare di coronavirus,
  • posizionare una piastra di acciaio inossidabile in una scatola ermetica a prova di ozono installata in un armadio di sicurezza,
  • applicare il nuovo coronavirus da testare.
  • Utilizzare uno ozonizzatore (dispositivo medico certificato dal PMDA: generatore di ozono) installato nella scatola ermetica a prova di ozono, la concentrazione di ozono nella scatola ermetica a prova di ozono viene controllata e mantenuta da 1,0 a 6,0 ppm.
    La quantità di esposizione di ozono è impostata dal valore CT. (Vengono utilizzati il ​​valore CT 330, che è un valore del test di verifica per la certificazione di dispositivi medici da parte del PMDA del Ministero della salute, del lavoro e del benessere).
  • Dopo l’esposizione, inoculare le cellule con il virus,
  • determinare se il virus ha infettato le cellule e calcolare la quantità di virus.

Questo esperimento è stato possibile perché l’Università ha un laboratorio di livello 3 di biosicurezza e tecnologia di coltura dei virus.

I risultati:

  1. Con un valore CT di 330 (esposizione di 55 minuti a una concentrazione di ozono di 6 ppm), è stato inattivato da 1 / 1.000 a 1 / 10.000.
  2. A un valore CT di 60 (60 minuti di esposizione a una concentrazione di ozono di 1 ppm), è stato inattivato da 1/10 a 1/100.

In questo studio, abbiamo confermato che l’ozono può inattivare fino a 1/10.000.

Ciò dimostra che in condizioni reali ed utilizzando l’ozono, il nuovo coronavirus può essere inattivato su tutte le superfici e utilizzato nella sanificazione degli ambienti.

 

G.L.S. Lavanderie è sempre alla costante ricerca di prove scientifiche per assicurare alle proprie strutture sanitarie il meglio dalle nuove tecnologie.

 

, , , , , , ,

Leave a Reply